La testimonianza di Anna Medeossi, italiana in Algeria, e della sua vita quotidiana al fianco dei musulmani: la preghiera, la condivisione, i momenti di festa, l’apertura reciproca all’altro.

Siamo fratelli e sorelle ed è nei nostri gesti concreti e nei i nostri comportamenti che ciò si manifesta e si concretizza nella vita di ognuno.

La fratellanza capovolge la logica dell’apocalisse e del fondamentalismo: salva il tempo della mediazione, dell’incontro, della costruzione della società civile, della cura.